Decoder Digitale Terrestre DVB-T2: Ecco Tutto Quello Che C’è da Sapere Prima di Comprarlo

Nell’era moderna sempre più spesso ci si trova a dover aggiornare i propri dispositivi per non restare indietro. Parlando di aggiornamento, da settembre 2021 in Italia avverrà lo switch-off, ovvero il passaggio dall’attuale standard di trasmissione digitale terrestre DVB-T a quello DVB-T2 di nuova generazione. Di conseguenza, sarà necessario munirsi di smart tv oppure di Decoder Digitale Terrestre.

Cos’è il nuovo Decoder Digitale Terrestre DVB-T2

Quando si parla di DDT (Decoder Digitale Terrestre) non sono in molti a sapere in specifico di cosa si tratta. Ad oggi, molti televisori hanno già integrate le funzioni che vengono fornite da un decoder ma, per chi volesse sfruttare l’attuale dispositivo che possiede già, è possibile affiancare al vecchio televisore un decoder che capti il segnale digitale terrestre. In sintesi, per poter vedere una trasmissione televisiva – una serie di informazioni – questa viene trasmessa tramite un segnale elettrico che può essere analogico o digitale.

Per regolare queste trasmissioni di dati, è nato il DVB, ovvero un insieme di standard aperti concepiti con lo scopo di sviluppare e diffondere la televisione digitale e che vengono accettati a livello internazionale. Da questi standard è nato il DVB-T, ovvero l’attuale modalità di trasmissione digitale terrestre ma, come sappiamo, con il progresso è nato un altro standard più moderno, il DVB-T2. Da settembre 2021 sarà necessario, infatti, operarsi per aggiornare il proprio dispositivo per continuare a ricevere i vari canali.

Quando e come andrà utilizzato

Nonostante, come già detto, la maggioranza delle abitazioni possieda già una smart-TV, in commercio si possono trovare ancora moltissimi decoder. Per poter usufruire del televisore, basterà semplicemente collegare il decoder al nostro attuale dispositivo. Anche se si possiede un vecchio televisore, in commercio esistono molti decoder che hanno diverse modalità di collegamento, dall’HDMI alla presa SCART. Ogni volta che si accenderanno il televisore ed il decoder, quest’ultimo permetterà di visualizzare tutti i nuovi canali trasmessi dallo standard DVB-T2. L’utilizzo è molto semplice ed alla portata di tutti e, a seconda del formato (scatolette o blocchi unici), di facile intuizione.

Bestseller No. 1
Edision PICCO T265, Full High Definition DVB-T2, H265 HEVC 10 Bit ricevitore digitale terrestre, WiFi Supporto, telecomando universale 2 in 1 per il ricevitore e la TV
  • Full high definition dvb-t2, h265 hevc ricevitore digitale terrestre
  • Supporto usbwifi con chiavetta usbwifi opzionale e non inclusa nella confezione per godere di tutte le app disponibili (youτube, rss news) Chiavetta usbwifi consigliata: wi-fi edi-mega o qualsiasi modello di processore ralink 5370
  • Telecomando ir universale 2 in 1 per stb e tv
OffertaBestseller No. 2
Diprogress dpt201hd decoder digitale terrestre dvb-t2 hevc main 10, nero.
  • Compatibile con digitale terrestre dvb-t2 hevc/h265 main 10
  • Telecomando universale per controllo TV + decoder incluso nella confezione
  • Riproduzione file multimediali via USB
Bestseller No. 3
STRONG SRT 82 DVB-T2 Decoder Digitale Terrestre Piccolo HD HDMI / USB
  • Compatibile con antenne da interno ed esterno
  • uner di nuova tecnologia per una ricezione eccellente
  • Funzione di spegnimento della porta USB in funzione standby

Le caratteristiche da tenere in considerazione per l’acquisto

Quando si procede all’acquisto, è bene considerare alcuni aspetti, funzionalità e caratteristiche del decoder per essere sicuri dei scegliere il prodotto più adatto alle nostre esigenze. In primo luogo, è necessario che il decoder sia provvisto dello standard DVB-T2. Nonostante molti televisori e decoder siano già dotati del supporto al suddetto standard, è bene prestare attenzione al prodotto che scegliamo. Di conseguenza, sarà opportuno che il dispositivo possieda anche la funzionalità di ricevere trasmissioni in HD. Molti canali, infatti, hanno delle versioni in HD delle loro trasmissioni e per vederli è necessario possedere questa funzione.

Se poi si vuole avere la possibilità di visualizzare anche le payTV (Mediaset Premium, ecc.) bisogna premunirsi di decoder con presenza di slot per la smart card. Per visualizzare, invece, piattaforme di video on-demand (come Infinity, RaiPlay, ecc.) è necessaria la connessione internet ed è possibile connettere il decoder sia tramite cavo ethernet che tramite WiFi. Infine, è possibile, in alcuni decoder, registrare il programma che si sta guardando o riprodurre un file multimediale tramite porta USB. In base alle esigenze di ogni utente, quindi, è bene considerare tutti questi aspetti per la scelta di un decoder digitale terrestre.

decoder digitale terrestre dvb-t2
Decoder digitale terrestre DVB-T2

Quali vantaggi avrà per gli utenti?

Viste le varie caratteristiche e funzionalità del prodotto, è chiaro quali sono gli innumerevoli vantaggi dell’acquistare un decoder per il proprio televisore. Dall’evitare di gettare un TV quasi nuovo alla possibilità di integrare funzioni che prima non si possedevano, il decoder DVB-T2 è una delle innovazioni che possono portare ad un miglioramento effettivo della trasmissione televisiva ad un prezzo accessibile a tutti, dagli spettatori più indulgenti ai più esigenti.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Leave a Reply